Il campiello/Atto quinto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
QUINTO ATTO
1756
←  QUARTO ATTO Edission e fonte ▼

SCENA PRIMA[canbia]

FABRIZIO con quattro Facchini, GASPARINA sul poggiuolo

FABRIZIO Sì, sì, venite meco.
Voglio, che ci spicciamo immantinente. (ai facchini)
GASPARINA Oe, zior barba, chi zè mai quela zente?
FABRIZIO Questi sono i facchini.
La casa ho ritrovata,
E di qua innanzi sera andiamo via.
GASPARINA Cuzì presto z'ha da far mazzaria?
FABRIZIO Tant'è. Venite meco. (ai facchini)
GASPARINA Ma, la diga.
Z'ha d'andar via cuzzì?
E ze la caza no me piaze a mi?
FABRIZIO Credo, vi piacerà.
GASPARINA Zèlo un palazzo?
FABRIZIO È una casa civile.
GASPARINA Gh'è riva in caza? tegniremio barca?
FABRIZIO Che ne volete fare?
GASPARINA Almanco a un remo;
O che zemo, zior barba, o che no zemo.
FABRIZIO Son pur sazio di voi, la mia figliuola!
Andiam. (ai facchini)

SCENA SECONDA[canbia]

Il CAVALIERE e detti

CAVALIERE Signor Fabrizio, una parola.
FABRIZIO (Ecco un altro disturbo). Che comanda?
CAVALIERE Servitore di lei. (mostra salutare Fabrizio, e saluta Gasparina)
FABRIZIO La riverisco.
GASPARINA Gli zon zerva, zignore.
FABRIZIO Ora capisco.(accorgendosi di Gasparina)
Entrate in quella casa. (ai facchini, quali entrano)
E voi, signora, se vi contentate
A unir le robe vostre principiate.
GASPARINA Zerva zua. (salutando il Cavaliere)
FABRIZIO Mia padrona.
CAVALIERE A voi m'inchino.
FABRIZIO Un'altra volta a me? (al Cavaliere; poi s'avvede che si salutano a motti con Gasparina)
Bravi, me ne consolo.
Subito andate via di quel poggiuolo.
GASPARINA (Ze me podezze maridar!). (in atto di partire)
FABRIZIO (Bellissima!).
GASPARINA (Anca me bazterave ezzer luztrizzima). (parte)

SCENA TERZA[canbia]

Il CAVALIERE e FABRIZIO

FABRIZIO Quel, che mi avete a dir sollecitate. (al Cavaliere)
CAVALIERE Dirò, signor; sappiate,
Che mi ha ferito il cor vostra nipote.
FABRIZIO Piacevi Gasperina, o la sua dote?
CAVALIERE Desta il merito suo gli affetti miei.
FABRIZIO (Quasi quasi davver gliela darei).
CAVALIERE Voi sapete chi sono.
FABRIZIO Lo so certo;
So come siete nato,
Ma vi siete un po' troppo rovinato.
CAVALIERE È ver, ma sono stanco
Di menar questa vita.
Vo' moderar le spese;
Vo' tornar con prudenza al mio paese.
FABRIZIO Se sperar si potesse.
CAVALIERE Ve lo giuro
Da cavalier d'onore.
FABRIZIO Ma ditemi, signore,
Come rimedierete
Dei disordini vostri alla rovina?
CAVALIERE Quanto date di dote a Gasperina?
FABRIZIO Ecco quel, ch'i' dicea;
Della dote vi cal per consumarla.
CAVALIERE Su i miei beni potete assicurarla.
FABRIZIO Non sono ipotecati?
CAVALIERE Essere pon da voi ricuperati.
Vi farò una cessione
Di tutto il mio per anni dieci, e più;
Dipenderò da voi,
Se il vostro amor mi regge, e mi consiglia,
Viverò come un figlio di famiglia.
FABRIZIO Basta: vi è da pensar.
CAVALIERE Non mi tenete
Più lungamente a bada.
FABRIZIO Concludere in istrada
Quest'affare vorreste?
CAVALIERE Entriamo in casa.
FABRIZIO Parleremo domani.
CAVALIERE In questo punto
Principiare vorrei
A rinonziarvi gli interessi miei.
FABRIZIO Ma! discorrer convien.
CAVALIERE Ben, discorriamo.
FABRIZIO (Sono fra il sì, ed il no).
CAVALIERE Vi prego.
FABRIZIO Andiamo.
CAVALIERE (Per me strada miglior trovar non so). (entra in casa)
FABRIZIO (S'egli dice davvero, io gliela do). (entra in casa)

SCENA QUARTA[canbia]

LUCIETTA sull'altana, poi GNESE sull'altana, poi ORSOLA sul poggiolo.

LUCIETTA Bravi! I l'ha tirà drento. (vedendo il Cavaliere entrare da Gasperina)
Gnese, Gnese. (forte chiamando)
GNESE Chi chiama?
LUCIETTA Oe, no ti sa?
L'amigo... mio compare...
GNESE Coss'è stà?
LUCIETTA El xè andà dall'amiga. (accenna la casa di Gasperina)
GNESE Eh via.
LUCIETTA Sì anca
Varenta le mie tatare
Orsola.(chiama)
ORSOLA Me chiameu?
LUCIETTA Sentì: el foresto
Xè andà da Gasperina.
La se l'ha tirà in casa.
ORSOLA Oh che mozzina!
LUCIETTA Oe, credeu che ghe sia
Monea d'un tràiro?
ORSOLA E so barba ghe xèlo?
LUCIETTA Vara! se el gh'è? El ghe l'ha menà elo.
ORSOLA Chiama, chiama to mare,
Che ghe la vòi contar. (a Gnese)
GNESE No, no gramazza, no, lassèla star.
LUCIETTA Cossa gh'ala?
GNESE Tasè.
LUCIETTA Dòrmela ancora?
GNESE El vin gh'ha fatto mal, l'ha buttà fuora.
ORSOLA Ghe l'ho dito; sta vecchia
La beve co fa un ludro.
LUCIETTA Anca mia mare
La xè là ben conzada.
Oe quattro volte la me xè cascada.
GNESE Dove xèla?
LUCIETTA Sul letto,
Che la ronchiza.
ORSOLA Dove xè Anzoletto?
LUCIETTA Anca elo xè qua,
In canton del fogher indromenzà
ORSOLA Quando spósistu?
LUCIETTA Aspetto mio zerman,
E po de longo se darà la man.
ORSOLA E el compare?
LUCIETTA El compare xè liogà;
Ma co lo chiameremo, el vegnirà.
ORSOLA Sia con bona fortuna,
Fia mia.
LUCIETTA Cusì anca vu.
ORSOLA Da qua do ani; vero Gnese?
GNESE Cossa?
LUCIETTA Via cossa vienstu rossa?
In verità te toccherà un bon puto.
ORSOLA Oe, vien da mi, che te conterò tutto. (a Lucietta)
GNESE Che bisogno ghe xè,
Che fè pettegolezzi? (ad Orsola)
ORSOLA Oh che gran casi!
No s'àla da saver? Vienstu, Lucietta?
LUCIETTA Sì ben, fina, che i dorme. (entra)
ORSOLA Via, da brava.

SCENA QUINTA[canbia]

ORSOLA, GNESE poi LUCIETTA

GNESE Sior'Orsola, patrona.
ORSOLA Me poderessi dir siora madona.
GNESE Oh giusto!
ORSOLA In verità
Puta cara son stuffa
De sti to stomeghezzi,
GNESE Se me criè, mi no ve parlo più.
ORSOLA Cara fia...
LUCIETTA Vegno, vegno. (esce di casa correndo verso la casa di Orsola)
ORSOLA Vien de su. (entra)
LUCIETTA Altri do ani ghe vorà per ti.
Oe, quanto pagherávistu
A esser in pe de mi? (a Gnese, ed entra in casa di Orsola)

SCENA SESTA[canbia]

GNESE, poi Facchini, poi ANZOLETTO

GNESE Le me fa tanta rabia! Lo tiorave
Zorzetto, se podesse;
Ma no voria, che nissun lo savesse.
FACCHINI (escono di casa di Gasperina, con masserizie, e le portano altrove)
GNESE Oe, fali massaria?
Certo e seguro, che la va a star via.
Se se svoda la casa,
La toressimo nu. Oe, siora mare; (chiama)
In sta casetta no me piase star.
E po, se me marido; ma gh'è tempo.
Cavallo no morir,
Che bell'erba ha da vegnir.
ANZOLETTO Oe disè, siora Gnese, saveu gnente
Dove, che sia Lucietta?
GNESE La xè andada
Da sior'Orsola.
ANZOLETTO Brava, la lo sa:
No vòi, che la ghe vaga, e la ghe va?
Vòi, che la me la paga; e quela vecchia
La ghe tende pulito a sta pettazza.
Co la vien voggio darghe una schiaffazza.
Ma prima co so mare
Vòi dir l'anemo mio. Oe donna Catte,
Desmissiève. (batte forte)

SCENA SETTIMA[canbia]

Donna CATTE e detti.

DONNA CATTE Chi batte?
ANZOLETTO Vegnì da basso, che v'ho da parlar.
GNESE De diana el ghe vol dar
Avanti gnanca, che la sia sposada?
Cossa faralo co l'è maridada?
DONNA CATTE Zenero, me chiameu?
ANZOLETTO Cossa diavolo feu?
Vu dormì co fa un zocco, e vostra fia...
DONNA CATTE Oe dove xèla?
ANZOLETTO La xè andada via.
DONNA CATTE Dove s'àla cazzà sta scagazzera?
ANZOLETTO Là da la frittolera.
DONNA CATTE Via, no gh'è mal, lassè che la ghe staga.
ANZOLETTO No vòi, che la ghe vaga.
DONNA CATTE Oh saressi zeloso de so fio?
De quel cosso scacchìo, malfatto, e bruto?
GNESE Oe, oe, sentì no strappazzè quel puto.
DONNA CATTE Cossa gh'aveu paura?
Che la ghe voggia ben?
Vèla qua che la vien.

SCENA OTTAVA[canbia]

LUCIETTA e detti

LUCIETTA Seu desmissiai?
Coss'è? ti me fa el muso?
Xèstu in colera fio? (a Anzoletto)
ANZOLETTO Frasca. Tiò suso. (gli dà uno schiaffo)
LUCIETTA Mo per cossa me dastu? (piangendo)
DONNA CATTE Sior strambazzo,
Alla mia putta se ghe dà un schiaffazzo?
No ti è degno d'averla,
No te la vogio dar.
ANZOLETTO No me n'importa.
DONNA CATTE Vien, vien, le mie raìse,
Che no ghe xè pericolo,
Che te manca mario. (piangendo)
ANZOLETTO Dème l'anelo indrio. (a Lucietta)
LUCIETTA Questo po no. (piangendo)
DONNA CATTE Volè l'anelo indrio? Ve lo darò. (va per levar l'anello a Lucietta)
LUCIETTA Lassème star, siora. (piangendo)
DONNA CATTE Furbazza!
Dàmelo quel anelo.
LUCIETTA No vel dago
Gnanca se me coppè.
DONNA CATTE El te tratta cusì
E ti el tioressi ancora?
LUCIETTA El voggio, siora sì. (piangendo)
DONNA CATTE Oh ti meriteressi,
Che el te copasse.
ANZOLETTO Senti, t'ho dà, perché te voggio ben. (singhiozzando)
LUCIETTA Nol soggio?
DONNA CATTE El xè un baron.
LUCIETTA No me n'importa, el voggio.
DONNA CATTE Tocco de desgrazià.
ANZOLETTO Via, se sè dona,
Cara siora madona,
Compatìme anca mi.
GNESE (Mi nol torave.
Gh'averave paura).
DONNA CATTE Cusì se tratta co la mia creatura?
ANZOLETTO Via, andemo. No ti vien? (a Lucietta)
LUCIETTA Baron, me vustu ben?
DONNA CATTE No stemo qua, che la xè una vergogna.
ANZOLETTO Causa quela carogna de Zorzetto.
GNESE Oe, oe, come parleu, sior Anzoletto?
ANZOLETTO Parlo cusì, e disèghelo.
LUCIETTA Via strambo.
DONNA CATTE Via, no parlè cusì.
ANZOLETTO Sanguenazzo de diana!
DONNA CATTE Tasè.
LUCIETTA Vien via con mi.
DONNA CATTE Andemo in casa, vegnì via con nu.
LUCIETTA Oe, Anzoletto, me darastu più?
ANZOLETTO Se me darè occasion.
LUCIETTA Mi no ve fazzo gnente, sior baron. (entra in casa)
DONNA CATTE Poverazza! a bonora
El me l'ha pettuffada! (entra in casa)

SCENA NONA[canbia]

GNESE, poi ORSOLA e ZORZETTO

GNESE Bon pro te fazza. Povera negada!
Sior'Orsola. (chiama)
ORSOLA Chiameu? (sul poggiuolo)
ZORZETTO (sulla porta)
GNESE Aveu sentio, che scena?
ORSOLA Mi no. Cossa xè stà?
GNESE Ve conterò.
Perché Lucietta xè vegnua da vu
Un pocchettin de suso,
Anzoletto ha crià,
E po dopo el gh'ha dà
Una man in tel muso.
ORSOLA Oh tocco de baron! Chi songio mi?
Cossa gh'àlo paura?
Che in casa mia se fazza
Urzi burzi?
GNESE Bisogna.
E po a Zorzetto el gh'ha dito carogna.
ZORZETTO Carogna a mi?
ORSOLA Via tasi.
ZORZETTO Vòi dir l'anemo mio;
Che no son un pandolo.
GNESE No, no ve n'impazzè
Con quel scavezzacolo.
ORSOLA Via, vien drento, fio mio.
ZORZETTO Sì, sì (me vòi reffar). (entra)
ORSOLA Anca vu de contarmelo
Podevi lassar star.
Cossa voleu? Che nassa un precepizio?
GNESE Ve l'ho volesto dir.
ORSOLA Senza giudizio. (entra)
GNESE Me despiase dasseno...
Siora mare, chiameu? Vegno son qua.
Ghel dirò a ela la la giusterà. (entra)

SCENA DECIMA[canbia]

ZORZETTO, poi donna CATTE, poi ORSOLA

ZORZETTO A mi carogna? Desgrazià, baron. (con dei sassi)
Vòi trarghe in tel balcon de le pierae.(tira dei sassi nella finestra di Lucietta)
DONNA CATTE Coss'è ste baronae? (sull'altana)
ZORZETTO Tocco de vecchia matta, chiappa questa. (le tira un sasso)
DONNA CATTE Aggiuto; una pierada in te la testa. (entra)
ORSOLA Coss'è stà? cossa fastu?
ZORZETTO Gnente, siora.
ORSOLA Via, vien dessuso. No ti vien gnancora?

SCENA UNDICESIMA[canbia]

ANZOLETTO di casa, col palosso, poi LUCIETTA, poi GNESE, poi ZORZETTO

ANZOLETTO Via, sior cagadonao.
ORSOLA Zorzi! fio mio! (gridando forte sul poggiuolo)
ZORZETTO (fugge in casa)
ANZOLETTO Vien de fuora, baron.
LUCIETTA Anzoletto, fio mio. (sull'altana)
GNESE Zente, custion. (sull'altana)
ANZOLETTO Baroni, mare, e fio.
ORSOLA Tiò, desgrazià. (dal poggiuolo gli tira un vaso)
LUCIETTA, GNESE Aggiuto!
ANZOLETTO Vien de fuora, se ti è bon. (ritirandosi)
ZORZETTO No gh'ho paura. (con un bastone)
LUCIETTA Indrio con quel baston.

SCENA DODICESIMA[canbia]

SANSUGA dalla locanda, con arma alla mano, poi il CAVALIERE, poi ORSOLA e detti.

SANSUGA Coss'è sta baronada?
LUCIETTA Aggiuto! (entra)
GNESE Aggiuto!
CAVALIERE Coss'è questo fraccasso?
GNESE Sior foresto, che la vaga da basso. (entra)
ANZOLETTO El vòi mazzar. (contro Zorzetto)
ZORZETTO Sta' indrio.
SANSUGA Fermève, sanguenon.
ORSOLA Mio fio, mio fio. (di casa , con una padella)

SCENA TREDICESIMA[canbia]

LUCIETTA, poi ANZOLETTO e detti

LUCIETTA Mo vien via. (tirando Anzoletto)
ORSOLA Vien in casa. (tirando Zorzetto)
Lassème sto baston. (gli leva il legno)
LUCIETTA Vien, se ti me vol ben. (tirando Anzoletto)
ANZOLETTO Ti gh'ha rason. (verso Zorzetto, ed entra con Lucietta)
ORSOLA Andè via con quell'arma. (a Sansuga)
SANSUGA Sempre cusì. Vergogna. (entra in locanda)
ORSOLA Va' in casa, desgrazià. (a Zorzetto)
ZORZETTO Dirme carogna? (entra in casa)
ORSOLA Nol temerave el diavolo, e so pare
Sto giandussa; el xè fio de bona mare. (entra)

SCENA QUATTORDICESIMA[canbia]

Donna PASQUA di casa, poi donna CATTE

DONNA PASQUA Se lo saveva avanti,
Ca de diana de dia,
Ghe ne voleva dir quattro a culìa!
A quel puto carogna?
DONNA CATTE E a mi, furbazzo,
Romperme i veri, e trarme una pierada?
A mi sta baronada?
DONNA PASQUA Oe, seu qua, vecchia matta?
DONNA CATTE Coss'è? Toleu le parte de colù?
Se non andè via, me refferò con vu.
DONNA PASQUA Vardè là, che fegura!
Gnanca per questo no me fè paura.
DONNA CATTE Anca sì, che debotto
Ve chiappo per la petta.
DONNA PASQUA Mi no farò cusì,
Perché caveli non ghe n'avè pì.
DONNA CATTE Va' via, sorda.
DONNA PASQUA Sdentada.
DONNA CATTE Vecchiazza.
DONNA PASQUA Magagnada.
DONNA CATTE Vustu zogar?
DONNA PASQUA Vien via. (s'attaccano)
DONNA CATTE Ah! Lucietta. (chiama)
DONNA PASQUA Fia mia. (chiama)

SCENA QUINDICESIMA[canbia]

LUCIETTA, GNESE, ORSOLA, tutte in strada; poi ANZOLETTO e ZORZETTO

LUCIETTA Siora mare.
GNESE Fermève.
ORSOLA Desmettè.
ANZOLETTO Lassè star mia madona. (col palosso)
ZORZETTO Cossa gh'è? (col legno)
LUCIETTA Aggiuto!
GNESE Aggiuto!
ORSOLA Aggiuto!

SCENA SEDICESIMA[canbia]

Il CAVALIERE e detti

CAVALIERE Oh l'istoria va lunga.
Non si finisce mai? Se non tacete,
Meno giù col bastone a quanti siete.
LUCIETTA I vol dar a mia mare.
DONNA PASQUA La xè ela,
Che xè una baruffante.
ORSOLA Mi son qua per spartir.
CAVALIERE State zitte dich'io. S'ha da finir.
Come! in giorno di nozze
Dopo tanta allegria,
Si strepita così? che villania!
Giù quell'arma, vi dico. (a Anzoletto)
LUCIETTA Da' qua dàmela a mi. (leva il palosso a Anzoletto)
(Nol lo gh'ha più). (lo porta in casa, poi torna)
CAVALIERE Giù quel baston. (a Zorzetto)
ORSOLA Sior sì. (leva il bastone a Zorzetto)
CAVALIERE Che diavol di vergogna!
Sempre sempre gridar con questo, e quello?
Maledetto campiello!
LUCIETTA Mi no crio co nissun.
ORSOLA No parlo mai.
DONNA CATTE No la se sente gnanca la mia puta.
DONNA PASQUA I ghe dise la muta.
LUCIETTA Mo vu...
GNESE Mo vu, patrone...
LUCIETTA Cossa voressi dir?
CAVALIERE Ma siate buone.
Domani io vado via.
E se la compagnia torna serena,
Meco verrete a divertirvi a cena.
DONNA CATTE Per mi no son in colera.
DONNA PASQUA Pute, coss'àlo dito?
ORSOLA No sentì?
El n'ha dito cussì,
Che se tornemo in pase
Ceneremo con elo.
DONNA PASQUA Sì, fia mia;
Mi no desgusto mai la compagnia.
CAVALIERE Bravissime le vecchie.
ORSOLA Oe, Lucietta,
Gh'àstu gnente con mi?
LUCIETTA Semio amighe?
ORSOLA Tiò un baso.
LUCIETTA Tiò anca ti.
Gnese, ti cossa distu?
GNESE Per mi taso.
DONNA PASQUA Oe donna Catte.
DONNA CATTE Donna Pasqua.
DONNA PASQUA, DONNA CATTE Un baso. (si baciano)
CAVALIERE E voi altri ragazzi
Non vi baciate ancor? (A Zorzetto ed Anzoletto)
ORSOLA Va là, Zorzetto,
Dàghe un baso a Anzoletto.
ANZOLETTO Che bisogno ghe xè?
LUCIETTA Via, se ti me vol ben. (a Anzoletto)
ANZOLETTO Sì ben. (si baciano con Zorzetto)
ZORZETTO Tolè. (si baciano con Anzoletto)
CAVALIERE Or, che la pace è fatta,
La cena si farà.
E voglio dirvi un'altra novità.
Sono lo sposo anch'io. Sposo stassera,
E parto domattina.
LUCIETTA La novizza chi xèla?
CAVALIERE Gasparina.

SCENA DICIASSETTESIMA[canbia]

GASPARINA sul poggiuolo, e detti

GASPARINA Ze podeva anca dir,
Caro zior Cavalier,
Che ziora Gazparina è zo muggier.
LUCIETTA Brava.
ORSOLA Me ne consolo.
GNESE Come xèlo sto caso?
LUCIETTA Vegnì da basso, che ve daga un baso.
CAVALIERE Via, venite, signora,
Ora più non comanda vostro zio.
GASPARINA Vengo, zignor mario. (entra)

SCENA DICIOTTESIMA[canbia]

FABRIZIO di casa, e detti; poi SIMONE

FABRIZIO E ver che mia nipote è vostra moglie,
Ma nel vostro contratto
Èvvi, signore, il patto
Di dipender da me per anni dieci.
Non vo, che seguitiate
A gettar il danaro allegramente;
E non si ha da cenar con questa gente.
CAVALIERE La cena è preparata;
L'ho ordinata, e pagata.
Lasciatemi godere,
Per cortesia, quest'ultimo piacere.
FABRIZIO Pur, che l'ultimo sia, ve lo concedo.
Ma io non ci verrò con questa gente
Indiscreta, incivil, senza creanza.
LUCIETTA Via, sior, ghe domandemo perdonanza.
Quando semo in borrezzo
Gh'avemo sto defetto,
Ma savemo anca nu portar respetto
Oh xè qua, sior Simon. (viene Simone)
Questo xè mio zerman
Podemo dar la man,
Quando che se contenta sior compare.
CAVALIERE Fate quel, che vi pare.
LUCIETTA Cossa distu, Anzoletto?
ANZOLETTO Fazzo quel, che volè.
DONNA CATTE Anemo via sposé.
ANZOLETTO Questa xè mia muggier.
LUCIETTA Questo xè mio mario.
DONNA CATTE Séntime un de sti dì te vegno drio. (a Lucietta)
DONNA PASQUA Uh! me viene l'acqua in bocca.
GNESE Sia malignazo! e mi?
ORSOLA Da qua do ani a ti.
DONNA PASQUA Do anni s'ha da star?
GNESE Vardè, che sesto!
ORSOLA Eh, no t'indubitar, che i passa presto.

SCENA DICIANNOVESIMA[canbia]

GASPARINA e detti.

GASPARINA No voleva vegnir con tanta zente.
CAVALIERE Venite allegramente;
Siamo di carnevale,
È lecito di far qualche allegria;
Già domani mattina andiamo via.
LUCIETTA Dove andeu, Gasparina?
GASPARINA Ignorantizzima,
Me poderezzi dar de la luztrizzima.
Vado con mio conzorte,
E col zior barba zio,
Dove più conozziuta zarò io.
LUCIETTA Me ne consolo.
GASPARINA Tanto zì dazzeno.
CAVALIERE Animo allegramente,
Andiam tutti in locanda,
Che si passi la notte in festa in brio;
Poi diremo diman: Venezia addio.
GASPARINA Cara la mia Venezia,
Me dezpiazerà certo de lazzarla;
Ma prima de andar via vòi zaludarla.
Bondì Venezia cara
Bondì Venezia mia,
Venezziani zioria.
Bondì, caro Campielo,
No dirò, che ti zii bruto, né belo.
Ze bruto ti zè ztà, mi me dezpiaze:
No zè bel quel, ch'è bel, ma quel che piaze.