Ai lontani

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 9 modifica]
AI LONTANI

Inaugurandosi il nuovo Campanile di San Marco

addì 25 Aprile 1912.


Vu che sparsi per el mondo,
veneziani, ricordè,
el Canàl, la Piazza, in fondo
4tuto quelo che adorè,

vu, che in mezo a strussie e a stenti
e ai trionfi del lavoro,
gavè i oci sempre intenti
8a la vostra Ciesa d'oro,

che sentì la nostalgìa
del dialeto venezian,
co Goldoni a mile mïa
12e col Papa in Vaticàn,1

[p. 10 modifica]


ancùo xe zornada bona
per i cuori inamorài,
ve dirà la Marangòna2
16che Venezia no mor3 mai.

Forti i brazzi, su le teste,
la Trotiera2 ve dirà,
per i luti e per le feste
20nu saremo sempre quà!

Per le tere e per i mari,
veneziani, lavorè,
novi fasti milenari
24per San Marco preparè!

Za dies'ani xe sta un luto,
xe sta un schianto in ogni cuor,
ne paréa tuto distruto
28in un'ora de dolor!

[p. 11 modifica]


Ma se a rinovar la storia
ga volesto cussì el Çiel,
per cantàr nova vitoria
32viva el novo Campaniél!



Note a cura de l'autor
  1. Allora era Sommo Pont. Pio X che era veneto e fu Patriarca di Venezia.
  2. 2,0 2,1 La Marangona e la Tortiera sono due delle campane più famose del Campanile di San Marco.
  3. Muore.