Ai bravi e boni veneziani

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Ai bravi e boni veneziani
24 marzo 1848
Edission e fonte ▼
Canto patriotico scrito durante l'insuression de Venexia contro i Austriaci del 1848-49 (N.d.R.)
[p. 19 modifica]
AI BRAVI E BONI VENEZIANI


CANZONETTA


Tira e para finalmente
Sto bel zorno xe arivà,
E una nova vita sente
4Sta magnifica cità.

Certi tempi xe finidi,
Nè mai più i ritornarà.
Via da bravi! stemo unidi;
8Nell'union la forza sta.

Xe sto popolo risorto,
L'è d'un colpo in piè saltà:
Falso xe ch'el fusse morto,
12Solo el gera indormenzà.

Certi tempi xe finidi,
Nè mai più i ritornarà.
Via da bravi! stemo unidi;
16Nell'union la forza sta.

Nicoloti e Castelani
Da sentir più no se ga:
Semo tuti Veneziani,
20Tuti fioi de sta cità.

Certi tempi xe finidi,
Nè mai più i ritornarà.
Via da bravi! stemo unidi;
24Nell'union la forza sta.

E San Marco benedeto
Sempre più el benedirà
El so popolo dileto
28Che l'à sempre venerà.

Certi tempi xe finidi,
Nè mai più i ritornarà.
Via da bravi! stemo unidi;
32Nell'union la forza sta.

25 Marzo.

Toni Pasini
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Ai_bravi_e_boni_veneziani&oldid=46822"