Pagina:Ultima volontà de sior Tonin Bonagrazia.djvu/3

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


INTRODUZION1


Ultima volontà o sia testardo Testamento de mì Tonin Bona Grazia del fu Ilustris.° e Colendis.° Corolario mio sior Pare, e de la fu Pisana Marchesa ilustr. Fondachio, Nobile de Torcelo discendente de la quinta fiancada, Conte senza Contea, Marchese (per parte de mia siora Mare), possidente de l'aria e del fumo de tuto Torcelo, e in altri siti, che no se pol trovar. San de mente, pien de vita quanta che ghe ne pol aver un morto, a la presenza del Nodaro Asdrubale, e dei soliti Testimoni, dispono dar e aver, e quel che resta a tuti, co tute le mie facoltà drete e roverse.

2Turbine memoranda averzighe palpitatio in corda, et ingrespamini donatione meorum sicut a tombolonem facientis.
  1. Questa introduzione in prosa fa conoscere la maniera con cui ragionava il Bonagrazia.
  2. Tutti i latini spropositati che qui si leggono sono imitazioni di quelli che il suddetto usava nel corso de' suoi racconti.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Ultima_volontà_de_sior_Tonin_Bonagrazia.djvu/3&oldid=65428"