Pagina:Spiere de Sol.djvu/61

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


BENEFACERE IN LAETITIA.

Scrito e venduo per beneficenza
al Teatro Sociale de Treviso


Mo' brave ste signore, mo' brave ste matrone,
ste tose tuto spirito, ste tose cocolone,
mo' bravi sti eleganti e lustri cavalieri,
e sti vecieti amabili.... la zoventù de jeri:
5tute e tuti ve amiro dasseno in verità
d'aver co' tanto slancio l'invito vu açetà.
De sto suçesso storico el nostro Comitato,
in recia ve lo digo, xe proprio sodisfato;
sodisfato nel vedar che tuto quel ch'el fa
10da la zente de cuor co' zogia xe aprovà,
sodisfato nel vedar che a sto pietoso apelo
ga risposto sta sera tanto publico belo;
e più che sodisfato (passando al material)
nel vedar de francheti la piova original.
15Ma chi che ve ringrazia forse, forse più ancora
cussì.... col cuor in man, xe quei che la malora
ga fato povareti, che siga e che se lagna,
che adesso sente el fredo, che pianze e che no magna;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Spiere_de_Sol.djvu/61&oldid=65339"