Pagina:Spiere de Sol.djvu/57

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Se me meto a parlar co' le signore
no digo che bons mots, che complimenti:
«Oggi, madama, mi toccate il cuore,
20i vostri occhi sono più lucenti.
Oggi, madama, siete uno splendore,
le vostre chiome sono più fluenti». —
Ele alora me ride e po', se ocore,
24per ringraziarme, le me mostra... i denti.

Coletti falstaff, ecc., ecc.

Le tose le me buta le ociadine,
le me varda co' un far da inamorae,
mi ghe digo graziose paroline
28fin che le go' sul serio incaenae;
ghe porto l'ombrelin, le manteline,
ghe çedo el posto se no l'è sentae,
e po' in cambio de tute ste moine
32ciapo pestoni ai cai e anca peae!

Coletti falstaff, ecc., ecc.

Luglio '902.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Spiere_de_Sol.djvu/57&oldid=65334"