Pagina:Spiere de Sol.djvu/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VENEZIA AL DUCA DEI ABRUZI.

 
Varè che Sol, che çielo incantador,
Venezia ancuo xe tuta ingaluzia,
la ga un'aria de dona insuperbia,
4la ga un'aria da Re, da Imperador.

Fioi che zogia, che zogia, mo' che onor:
là, de fassa del Tempio1, intenaria
Venezia aclamarà co' frenesia
8el forte Duca, esempio de valor.

La ghe dirà che drento del so peto
la tien serà per lu in un masso solo
11l'amor, la tenereza, el ben, l'afeto;

la ghe dirà che fredo e che rigori
qua no gh'è de l'Atlantico e del Polo,
14ma el palpito, el calor de tuti i cuori!!!

Venezia, 23 aprile 1901.

  1. San Marco.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Spiere_de_Sol.djvu/39&oldid=65328"