Pagina:Spiere de Sol.djvu/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPONDIME TI!

dal Lido.


Co te vedo pusada su la sabia,
o su l'onda de l'aqua adrio a nuar,
el mio cuor, mi no so cossa ch'el gabia,
4me lo sento qua drento a spissegar...

Che sia forse quei oci benedeti,
quei ocioni çelesti come el mar,
quei oci berechini, sempre inquieti
8che par sempre che i gabia da scampar?...

O che sia quei cavei biondi, da fata,
quei cavei che me fa de ti sognar,
che sia quei che la testa come mata
12me fa, co ti me parli, diventar?...

Zò, rispondime ti co una parola,
spieghime ti cossa che xe sto afar:
no gh'esiste a sto mondo che ti sola,
16che ti sola che possa indovinar...

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Spiere_de_Sol.djvu/26&oldid=65316"