Pagina:Soneti in dialeto venezian.djvu/3

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
PAROLE DE L'EDITOR.



Sti pochi soneti, scriti da un Patrizio venezian nel dialeto del só paese, mostra no solamente el talento poetico de l'autor, ma sì ben el bon cuor e la bona moral. Credo che tuti i Veneziani ghe farà bela ciera: parlo dei veri Veneziani, che no se vergogna de esserlo, e no gà desmentegà afato un dialeto, che dopo el toscan, per giudizio dei doti, xè el più rico e grazioso de quanti se ghe ne parla in Italia. Vegno adesso a responder a una censura che forse qualchedun poderà far a sto libro; vogio dir de trovar da per tuto barcarioi, o frase e figure tolte da quel mestier. E respondo disendo, che i poeti

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Soneti_in_dialeto_venezian.djvu/3&oldid=65287"