Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/37

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Andriolo se oblega de defenderlilo in tute le parte del mondo et in ogno zudixio a lo dito mis. tantardido per so sclauo e de ogno dano et interesse che interuegnisse a mis. tantardido infrascripto per lo pagamento de lo dicto sclauo quando elo podesse prouar che elo non fosse so sclauo: lo dito ser Andriolo se oblega de refarli lo dito pagamento a ducati de oro xxi de bon pexo.

Et io Symon figlolo mis. Iacomo de li Bruni da Imola per la Imperiale autoritade Not. publico e Zudexe Hordenario1 fui presente a tutto. Una cum li sourascripti testimonii. mmss. mmss. mmss.

  1. È osservabile la balordaggine dì questo Simon Notajo, che non nota il luogo dove lo Strumento fu stipulato; ma da quel Tantardide de Mezo gentiluomo viniziano, consigliere a Corone, dove necessariamente avrà riseduto, puossi arguire che appunto in Corone, o nelle sue vicinanze si facesse la vendita dello schiavo Piero Rosso.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/37&oldid=65246"