Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/140

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



El Sorze in Libreria


Un Sorze cittadin vecchio vegnù
Stomegà del gran mondo che mai più,
Vedendose affolà da tuti i lati
Da trabuchei, da cotteghi, da gati,
5Vol ridurse romito a terminar
In pase i zorni, che ghe pol restar.
Benchè avvezzo a nuar nella ricchezza,
Despota e ditator d'un salvaroba,
No ghe pol comodar quell'incertezza,
10Che xe sempre compagna a quei che roba,
E sete, o disisete,
El pensa alla so quiete,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/140&oldid=65073"