Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/127

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ghe xe in banda del bozzolo un spechieto
E cento volte al dì, come un putelo
90Torno sul buso e tiro de ochialeto.
     Ma el sol xe quasi a la metà del cielo,
E sentindo che i vovi me se scota
93Meto a casa a coverto el mio cervelo;
     Tiro fora el violin, e su la nota
Sono per esercizio quotidian
96De Coreli una giga o una gavota;
     E in prova che no go d'Orfeo la man
Sti tronchi dal so logo no fa moto,
99Ma scampa i contadini un mìo lontan.
     Lezo dopo un'oreta, o Don Chissioto,
Gil Blas o Robinson de Crosuè
102Me svegia l'estro e lo fa andar de troto.
     Passo da la carega al canapè,
E co tarda la rima al mio comando
105El naso me impenisso de rapè.
     Orazio povereto sta de bando,
Che libero son nato, e go dirito
108D'averlo proprio in cul de quando in quando.
     Intanto fra ste buzere nel sito
Destinà per disnar la puta zira,
111Come gata che sente l'apetito.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/127&oldid=67272"