Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/109

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    L'à dito... Fa 'l smorfioso,
Cossa?... che la voria
Se no fosse omo... Via —
24— La me vorave amar: —
     Marfisa gentilissima!
Che anima che la ga!
Oh povero mio Trotolo,
28Ti fa giusto pecà!
     Donca cussì i me toca?
Va là che ti è un gran tomo,
Te desfarò de omo,
32Cussì la te amerà.