Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


     El leon che ga presenti
Tanti eroi de casa soa;
Che formai crede i viventi
Per tegnirghe su la coa;
No se volta, marchia a pian,
Sta con aria da Sultan.

     Ma sentindo che i beconi
A la barba dei antenati
Lo criela: Mo cogioni
Fra lu el dise, questi è fati!
El scomenza a pian pianin
A far scherzì da arlechin.

     Per finir po quella scena
Menda al diavolo el sussiego,
Co la coa sferza la schena,
Co le sgrinfe se fa un sbrego;
Fica i denti dove el pol,
E so danno se ghe dol;

     Nè podendo mai cucarlo,
Se ghe svegia un tal rabiezzo
Ch'el fa cosse da ligarlo.
El mossato ride un pezzo,
E po el canta in do-re-mi:
Te l'oi dito, schizza? a ti...