Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 2 —
4.*


Se te vignessi, bela, a la fontana
     L'aqua nei calzirei1 te metaria;
     Te podaressi ben ciamar la mama,
     Ma un bel basin d'amor mi t'el daria.2


5.


Rosina bela dal grombial de renso3,
     Bigieto belo el se ghe speja drênto:
     El se ghe speja da la zima al fondo,
     Bigieto belo l'è padron del mondo.4


6.


Me voglio maridar, e tor un cogo
     Ch'el me farà le bele polpetine;
     El me farà polpete e panimbrodo,
     Me voglio maridar e tor un cogo.


7.


Era in te l'orto che basava el gato,
     La me morosa me dava da mente,
     E la me dise: cossa fetu, mato,
     Báseme mi, e nò basar el gato.


  1. Dal greco κάλπις, secchia: καλκηῖον e καλκεον, vaso di bronzo: καλκος, bronzo, e καλκήρης di bronzo.
  2. Nei villaggi montani dove ordinariamente mancano i pozzi e le sorganti sono talora discoste dall'abitato, le fontane sono i dolci e consueti ritrovi d'amore, ed ivi i garzoni palesano le loro simpatie alle fanciulle attingendo aqua per esse.
  3. Renso: rensa; tela fine di lino, bianca. Detta così dalla città di Reims in Francia dove si fabbrica.
  4. Variante:
    El se ghe speja, e el se ghe pol spejar,
    Rosina bela l'è da maridar,