Pagina:Rime pescatorie.djvu/73

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CANZON PRIMA.


Q
uando saroio un dì senza Fortuna

     E che me trova in tun porto seguro,
     Azzo che'l mar, e i furiosi venti
     No n'habbia pi poder su la mia nave,
     Repossandome un tempo alliegro in pase,
     Contento di mie anni, e de richezza?
Che besogna bramar tanta richezza,
     Siando sottoposti alla Fortuna,
     Val meio un zorno, che se staga in pase,
     Cha gran Signor, e non esser seguro,
     L'homo xe in mar una picola nave,
     Alla descrition de mille venti.
Oime, che i crudi, e rabiosi venti,
     Tiol in tun tratto la nostra richezza,
     E fa perir ogni superba nave,
     Che no se puol contender con Fortuna,
     Nianche Nettuno, no se tien seguro,
     Quando le onde, no se trova in pase.
El xe pur un bel che, viver in pase,
     E scampar quelle furie di gran venti,
     Stagando in liogo che sia ben seguro,
     Per varentar la vita, e la richezza.
     Al despetto del Mar, e de Fortuna.
Oe lassa andar chi è saldo le nave,
     E staga in terra per viver in pase,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/73&oldid=56045"