Pagina:Rime pescatorie.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E vegnir i pensieri infermi e fiachi,
     Deh Dio, no sie rebelli,
Occhi pieni d'amor, occhi galanti,
Habiè compassion de mie gran pianti.


Ingiusto, cieco, despietao Amor,
     Che Diavolo te pensestu de far?
     Cho ti m'haverà ben brusao el cuor?
Che credestu carogna de avanzar
     Con mi, che son giotton?
Che soffrirò fin che ti sarà stracho
Può te cazzerò in corpo el mio bizzacho.


Quella manina, si pulia, e bianca,
     Che me dete un buffetto
Ridando insieme, su la banda zanca,
M'ha tanto intenerio le interior,
     Che cerco con effetto
Far che Madonna veda che l'adoro,
Si ben cognosso, che al tandem e muoro.


Che ziova bastonar un che xe morto?
     Ah iniquo Amor, crudel, e despietao?
          Ti m'ha ferio el petto,
C'ha puoco, a puoco e von in l'altro mondo,
     Mo viverò per farte pi despetto;
Si ben adesso ti me tiol el fiao,
     Ingrato senza fede,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/55&oldid=56014"