Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/280

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E intanto, che Alessandro
    105Per la spinosa strada della gloria
    Avido sempre 'l xe della vittoria,
    E che per questa notte, e dì lù trotta,
    Diogene se 'l mena in te la botta.
    Davide l'Arpa ben manizava,
    110Ma meggio 'l Cazzo lù doperava;
    Se lo fava ben sonar
    Bersabea lo puol contar.

Chi xe mai quel muso zallo,
    Che pò fotte, come un gallo,
    115Quel teologo cogion,
    Che vuol farme opposizion?
    Se 'l mio sistema 'l vuol sbregar,
    Che 'l vaga a farse buzarar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/280&oldid=64851"