Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/254

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



De pene in l'altra vita? In sta maniera
    L'è un far, che Dìo sia pezo d'una fiera.
                        108I Omeni sulla tera,

Che gnanca i sà, come sia fatto un pelo,
    I vuol saver quel, che stà scritto in Cielo,
                        111Coverti con un velo

De Religion, acciò, che no i se veda,
    I vuol a quel, ch'i dise, se ghe creda;
                        114No ghè caso, ch'i ceda

Gnanca quei, che xe pieni de sapienza,
    Ch'i sà, che le xe buzare in conscienza;
                        117Almanco in apparenza

I mostra d'esser zente de parola,
    Ma i fà per mantegnir la so Vignola;
                        120In quella i se consola,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/254&oldid=64836"