Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/252

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E risoluti i l'hà portada fuora,
    Ma i più cogioni ghe xe drento ancora;
                        78Ma vegnirà quell'ora,

Come, che andà xe tante religion,
    Ch'anca questa anderà zò a tombolon.
                        81In che gran devozion

No giera Diana, Apollo, e altre Deità
    Nei tempi della gran semplicità!
                        84Quante cose ghè stà,

Che parlasse i oracoli i credeva,
    E i fava tutto quello, ch'i diseva;
                        87I grami no i vedeva,

Che quelle so risposte, e quei stramboti
    Le giera furberìe dei Sacerdoti;
                        90Quei popoli devoti

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/252&oldid=64834"