Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RICETTA PER CHI È FATTO BECCO DAI FRATI.


SONETTO


Ghè alcun, che da sti Frati buzarai
    Esser fatto no vuol beccofottù,
    Perchè, no essendo lori maridai,
    4I pensa, che no i puol refarse più.

Mi, se con mia muggier trovasse mai
    A goder qualche servo de Gesù,
    Ghe dirave, lodando el Frate assai,
    8Bon prò ve fazza, Padre, andè pur sù;

E per reffarme pò del so trastulo
    Vorrave quacchio quacchio a sto bon Frate
    11Ficcarghe un brazzo del mio Osel in Culo;

E fraccassando a lù ben le culate
    Podarìa almanco dir del Frate mulo,
    14El Frate in Mona, e mi in tel Cul al Frate.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/25&oldid=60922"