Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


GIUSTIFICAZION DELL'AUTOR.


SONETTO


Vago pensando al tempo, che gò perso
    A scriver tante gran cogionarìe,
    Che podeva impiegarle in cose pìe,
    4E trattarle con stil polito, e terso;

Ma dopo fazzo un Capo de Converso,
    E digo, che mal ghè in ste poesìe?
    No ghè drento bestemie, nè Eresìe,
    8No le tagia per dretto, e per roverso;

No le insegna a robbar, nè a far usare,
    O a far corto a gnessun, o a mormorar,
    11O a dir el falso, o ad alterar scritture;

Nè a far violenze, e manco pò a mazzar,
    Ch'anzi l'insegna a far delle Creature;
    S'altro infin no l'insegna, che a chiavar.
                        15De che m'hoi da lagnar?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/15&oldid=60844"