Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/127

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    E con quella so poesìa
    N'hà schiarìo la fantasìa,
    285E che senza farne ingiuria
    N'hà cressudo la lussuria.

Coi so animi sinceri
    Hà cantà pò i Cavalieri;
    Viva 'l Cazzo del Poeta,
    290Ch'hà cantà sempre alla schieta,
    Ch'alle Donne i pregiudizi
    Lù gà sciolto, e rutti i vizi,
    Che l'hà rese assae più amabili,
    E più docili, e trattabili,
    295E le hà fatte de bon cuor
    Col so bando dell'onor.

Co 'na vose assae sonora

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/127&oldid=64790"