Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/116

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    Le podesse liberarse
    Da quel mal, ch'un dì la peste
    120Gà sul Cul fatto le creste.
    Con cuor umile, e devoto
    Delle altre fava voto,
    Che guarindo in quel momento
    Da un potente scolamento
    125S'averìa taccado al Collo
    El valor del primo nollo.

Dopo fatte ste orazion
    Tutte quante in zenocchion
    Cussì in concerto le hà bù a cantar;
    130Sto santo Cazzo vegnì a adorar.
    Xe andà prima quella bella,
    Che se chiama Cattinella,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/116&oldid=64778"