Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/11

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



L'hà piuttosto da morir,
    Che qualcun mai ghe lo ficca;
    Nè la puole pur tegnir
    96Gnanca un Can, che ghe la licca.

Cosa fà pò quei gramazzi,
    Ch'in un Eremo i se serra
    Per aver da visdecazzi
    100Col so corpo a far la guerra?

D'ogni semplice trastulo
    De privarse elli fà patto,
    E de sbatterse sul Culo
    104Tutto quel, che Dìo gà fatto.

Siben molti Fraticelli
    Coi santini, e coi cordoni,
    In sta forma a questi, e a quelli,
    108I ghe pela anca i Cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/11&oldid=64771"