Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/61

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTORE VUOL ABBANDONARSI AL RETIRO.


SONETTO


Una Donna no gheerrata corrige originale, che più me piasa,
    E quelle, che vorrìa più no me tende,
    Ma queste xe del Mondo le vicende,
    4Che quel, che un dì piaseva, ancuò despiasa.

Tanto fà, che me metta a star a casa,
    Cussì meggio farò le mie facende,
    E la Natura, che 'l bisogno intende,
    8Che questo sìa 'l mio ben, l'e persuasa.

In fatti questa, che me par desgrazia
    Delle più grande, che me manda el Cielo,
    11Bisogna anzi de questa, che 'l ringrazia;

Perchè, se mi de qualche muso belo
    Podesse intieramente aver la grazia,
    14Per Dìo, ghe lasserìa drento l'Osello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/61&oldid=60811"