Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/288

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



In tel corpo d'una Dona
    Quando penso andar un dì,
    E che gaverò la Mona
    80Mi gò un gusto, che mai pì,

Per sentir, s'è diferente
    Della Donna 'l godimento,
    E chi assae più gusto sente,
    84S'ella a tiorlo, o mi andar drento.

Ah! Se in Donna mi rinasso,
    E in t'un muso, che sia bello,
    Voggio al Mondo tiorme spasso,
    88Col provar più d'un Osello!

Anca se no la me tira
    Voggio andar de quà, e de là,
    E la Mona a chi sospira
    92Voggio dar per carità.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/288&oldid=64708"