Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/146

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VANI ATTENTATI DELL'AUTORE.


SONETTO


Una putta hò tentà con arte, e bezzi
    Per tirarla d'accordo al mio partìo,
    Qualcosa hò fatto, gò toccà el da drìo,
    4Che dal gusto m'andava 'l Cazzo in pezzi;

Ma dopo quattro zorni de mattezzi
    M'è convegnù sìar, e dar in drìo,
    Sul più bello el negozio m'hà fallìo,
    8Perchè ghè vegnù in testa i chiettinezzi;

La me xe vegnua vìa colla moral,
    E che diversamente i libri parla
    11Da quello, che vorrave el mio Cotal;

Intanto no hò podesto più toccarla,
    E son restà impiantà, come un Stival,
    14Quando, che me credeva de chiavarla.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/146&oldid=60666"