Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/114

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA.


SONETTO


Compare, l'è fenìa per nù, che semo,
    Vù per amor, e mi per forza drento;
    Le spente n'hà reduto in sto tormento,
    4E vù le beffe, e mi le nose avemo.

Per peste, e poste sequestrai nù semo,
    Per tutti do vuol esser dell'arzento,
    Vù sè fatto de stucco, e mi depento,
    8E le nostre desgrazie voga a un remo.

Le fazze tutti do n'hà cogionao,
    I paroli n'hà da sto bon servir,
    11Sotto lombolo pò n'hà dissipao;

Ma 'l mio stato è pezor; nè ghè che dir;
    Vù trà ferri sperè de piar fiao,
    14Ma mi trà ferri temo de morir.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/114&oldid=60451"