Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/90

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO SOGGETTO


SONETTO


Mi digo, che una brava Ballerina,
    Che sia svelta, graziosa, e zovenetta,
    La xe 'na cosa tanto, che diletta,
    4Che la se puol chiamar cosa divina.

Quel bel penin, e quella gambolina,
    E quella bella vita in fondi stretta
    Fà veder, che la xe cosa perfetta,
    8E d'una carne delicata, e fina.

Me par, che goda un ben vero, e perfetto,
    Chi gode un bocconcin tanto curà,
    11E al Mondo no ghe sìa mazor diletto,

Che se una Ballerina fusse stà,
    Quando Giove s'hà fatto un oselletto,
    14Quella, e nò l'altre l'averìa chiavà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/90&oldid=60435"