Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/85

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DIALOGO TRÀ OMO, E DONNA, CHE FOTTE


SONETTO


Dame la Mona. Oh! Dio, zà vegno drento,
    Zà me par de morir, debotto sboro,
    Che dolcezza in sborar, che gran contento,
    4Questa è la volta, che sborando moro.

Felice mi ghe digo a sto momento,
    Tegnir el Cazzo in Potta al mio tesoro,
    Ma oh! Dìo, che sboro ancora, e zà me sento
    8Morir dal gran piacer: Mona t'adoro.

Ma zà el Cazzo me tira: oh! Dio no posso...
    Vegno drento, oh! che gusto, oh! che solazzo,
    11Dame le Tette, zà te son addosso.

Tiote quel, che ti vuol, no me n'impazzo
    Pur, che ti spenzi quel to Osello grosso.
    14Sì, Cara, zà ho sborà con tutto el Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/85&oldid=60429"