Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/77

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Aveu visto un can da toro,
    Co alla recchia l'e taccà,
    Chiamè, Argante, chiamè, Moro,
    160Nol se parte più de là.

Mo fè giusto el vostro conto,
    Che cussì fava costù,
    El s'aveva tanto sconto,
    164Che trovar nol podea più.

Mi co ho visto el so pericolo,
E che 'l stava là ostinà,
    L'ho chiappà per un testicolo,
    168E per forza l'ho cavà.

La Tonina prediletta
    Sul Soffà la xe restada
    Giusto come una violetta
    172Dal so ramo destaccada

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/77&oldid=64512"