Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



De sto gran bel liogo a canto
    Vorrìa alzar un Tempio santo;
    Co do gran superbi altari,
    E i so Numi tutelari;
    15Ch'una fusse quella Dea,
    Che 'l mio Cazzo me recrea;
    L'altro fusse el Dio Priapo,
    Perchè mai nol gabbia fiapo.

Sull'altar de ste Deità
    20Vorrìa far per carità
    A qualcuna quel servizio,
    E 'l saria el me sacrifizio,
    E finchè mi consumasse
    L'altre in coro, che cantasse.

25Laudate, o Putte, el bel solazzo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/31&oldid=64482"