Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/253

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL SBORAR ESTINGUE LA LUSSURIA


SONETTO


Stando sul balcon de notte dopo cena
    Ho visto una ragazza de fazzada,
    Che credeva la fusse inzenopchiada,
    4E vedo, che la Mona la se mena.

Ve zuro, che co hò visto quella scena
    Me xe vegnù una voggia buzarada
    De dar anca al mio Cazzo una menada,
    8E cavarme cussì da quella pena.

Hà bisognà dal gusto, che mì ciga,
    Tanto, che m'hà sentìo quella mattona,
    11Perchè l'hà sconto subito la figa.

Da quella volta in quà, Dìo me 'l perdona,
    Vardo ogni sera, se volè, che diga,
    14Se la se mena da recao la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/253&oldid=60368"