Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/227

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLA MEDESIMA


SONETTO


Per un poca de Mona, che gavè,
    In qual stato la sia chi mai lo sà!
    Me volè usar sta superiorità
    4A dirme do manini, che volè.

Mo vìa moleghe; oh che sia buzarà
    Ste domande cogione! O no savè
    Far el vostro mestier, o che intendè
    8Prezzar la Mona quel, che mai s'hà usà.

Quando, che ve xe arrente un cortesan,
    Savè dir, vita mia, ti te me piasi,
    11Son tutta toa d'arrente, e da lontan;

Ma nù alfin se svodemo, come vasi,
    Che'l fotter sempre è stà mestier da Can;
    14E 'l Cazzo arrischia dei gran brutti casi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/227&oldid=60354"