Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/222

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CHI NO SPENDE NO FOTTE


SONETTO


Che leze buzarada xe mai questa,
    Che chi vuol fotter gabbia da pagar!
    Do gusti gà la Donna da provar,
    4E l'Omo un solo! No l'è cosa onesta.

Se in casa delle Donne xe la festa,
    E che l'Omo s'hà più da sfadigar,
    Perchè galo dei bezzi anca da dar?
    8Sta usanza no me puol entrar in testa.

Sento, che ne dirà qualche persona,
    Che a sto Mondo cussì l'è sempre corsa.
    11Ma gnanca sta rason la me par bona;

Piuttosto voggio andar in cul d'un'orsa,
    Che de ste buzarone andar in Mona,
    14Che le vuol coi cogioni anca la borsa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/222&oldid=60350"