Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/214

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL DIVERTIMENTO DELL'AUTORE IN VENEZIA


SONETTO


In sta Città quel, che me dà solazzo
    Delle funzion solenni in occasion,
    No xe quel per el più, che al popolazzo
    4Dà godimento, o sia soddisfazion.

La vista delle Donne in conclusion,
    Nè intendo zà de quelle, che và a mazzo;
    Ma de quelle, che a mover la passion
    8Xe capaci, e de far alzar el Cazzo.

A torzio ghe ne zira in sta Città
    De sta rason ancuò, che ve lo zuro
    11Da banda farìa andar la santità.

Siben, che mi piuttosto no le curo,
    Me piase sempre a dir la verità,
    14Gò tutto ancuò per elle el Cazzo duro,

                    E sta sera seguro
Se mi gò sta lussuria buzzarada,
    17Mì me vago a far dar una menada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/214&oldid=60347"