Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/176

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


COLLOQUIO TRÀ DUE RAGAZZE


SONETTO


Vien quà, Tonina, senti una parola.
    Eh che no posso... Senti, cara tì,
    La me spizza, che star no posso pì;
    4Co me la meno el cuor se me consola.

Cara, co no ti vuol altro, anca mì
    La me pizzega sempre, e la se mola,
    Ma mi procuro menarmela ogni dì,
    8E specialmente, quando, che son sola.

Ah, che sento, che no posso star!
    Stà in Cristo vìa! Che matta che ti xeerrata corrige originale!
    11Mettime in Mona un deo, che voi sborar.

Senti, Anzoletta, piuttosto alla fè
    Femose da qualcun un pò chiavar,
    14Che averla sana, o rotta l’istess’è.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/176&oldid=65526"