Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/72

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'IPOCRISIA

SATIRA

DEL P. CACIA.


Le donne, i cavalier, l'armi, e gli amori
     Canti l'Ariosto, e la so' Armida el Tasso,
     Venero tuti, e reverente lasso
     4A i poeti de l'Arno i primi onori.
Cedo l'eburnea cetra e l'arco d'oro
     A chi à savesto imortalar Adoni.
     Me basta un canachion pien de taconi
     8E un ramo de sambugo per aloro.
Stufo de seguitar vena amorosa
     No trato più d'Amor che passa el guanto,
     Che m'à fato ingiotir più legno santo
     12Che no se basa in Coro a la Certosa.
Go un relogio da neve in t'una spala,
     Un altro da siroco in la zontura,
     Osservazion cavae da la natura,
     16Pronostici crudeli che mai fala!
Done, mai più ve lodo, e no me chiapo
     Se questa xe la chiusa dei Soneti!
     Renonzio l'arme ai vostri moroseti,
     20Seguito Giovenal, e son da capo.
Musa, me svegia un celebre motivo
     Che meteràve spirito a un aloco,
     Che pizzega el tavan stupido e gnoco
     24Nato senza comare in tel cortivo.
Per assalir un morbo velenoso
     Rabia, forza e valor vago cercando,
     So che l'impresa e che l'assunto è grando,
     28Co' è quel del Tonsi Agostinian famoso.

Quest'è l'Ipocrisia, morbo e contagio
     Che dei quaranta dì chiama la piova,
     Peste cussì nefanda che no giova
     32L'aseo, la ruta, l'osmarin, nè l'agio.
Questa xe quela birba impertinente
     Che senza respetar Bole o Censure
     Con sacrilego pie rompe Clausure,
     36Frequenta i Chiostri e fa danar la zente;
Gramegna maledeta, amara e salsa,
     Tossego a la virtù, solfere al Cielo,
     Sceleratezza in maschera de zelo
     40Che bate in fazza a Dio moneda falsa.
A criolar, Signor, con diligenza
     El formento che dà l'Ipocrisia,
     M'insegna la moral filosofia
     44Che pagia resta el fito e la semenza.
Oh quanti Farisei che soto el scorzo
     D'un'indegna pietà move a deliri!
     No so dove ch'i trova quei sospiri
     48Che basta mezo a destuar un torzo.
In Chiesa i bate el peto a colpi fieri,
     Che quatro un bacalà buta in boconi,
     Qualcun par un fachin, ma de quei boni
     52Che liga e pesta pevere ai spezieri.
Se caminando i vede Cristi o Crose
     D'un infinito Amor sacrato inesto,
     I canta in primo ton, propitius esto;
     56Ma dei falseti el Ciel no scolta l'ose.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/72&oldid=61549"