Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/486

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


POESIE

DI

GIOVANNI TONELLI.


DITIRAMBO SU LA UA.


Bel'autuno, felice stagion,
     Gera tanto che mi te aspetava,
     Go per ti la gran mata passion;
     Mi per ti sospirava, smaniava,
     5Se più longo durava l'istà,
     Senza ti mi sarave crepà!
Tute quel che in vaghissimo aspeto
     Ne produse le piante e 'l teren,
     Tuto quel che dà lucro e dileto,
     10Bel'autuno, per ti ne provien:
     Ne provien per ti l'ua, sto gran fruto
     El mio pasto, el mio sangue, el mio tuto.
Cari amici, che trasporto
     Per sto fruto che mi go!
     15Più che 'l porco per la gianda
     Mi per l'ua son spanto morto;
     La passion ze tanto granda,
     Che spiegarvela no so
Malapena spenta i bampoli
     20Mi no trovo più riposo,
     E devento fastidioso
     Come un toso inamorà;
     Più no magno, più no bevo,
     Prima ancora - de l'aurora
     25Presto - lesto mi me levo
     Mi me vesto,

     E po dopo per campagne,
     Per coline, per montagne,
     Fazzo intorno un longo ziro
     30Visitando le piantae,
     Tanto d'ochi mi ghe tiro,
     Me le magno co le ochiae,
     Ma per quanto che le miro
     Mi no vedo altro che fogia;
     35E l'ueta ancora in fior
     La me fa crepar de vogia
     Ai sentirghene l'odor:
     Ma che odor
     Consolator!
     40Che fraganza che inamora,
     Che de tuto va 'l dessora,
     Che ristora - naso e cuor!
Che camamo, che calamo,
     Che ladano, che galbano,
     45Che crocino, che telino,
     Che nardino, che melino!
     Vegna pur el cardamomo,
     Vegna el gran panatenaico,
     El famoso cirenaico,
     50L'amoricino, el costo, el gizir,
     L'ogio arabico, el nardo, el mazir.
               No no gh'è balsemo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/486&oldid=61621"