Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/484

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


POESIE

DEL

NOBIL UOMO NICOLÒ PRIULI.


EL BOUQUET O SIA MAZZETO


PRESENTÀ AI NOBILI CONIUGI CONTI GIOVIO DE MILAN NEL ZORNO AVANTI DE LA SO PARTENZA DA VENEZIA NEL MESE DE ZUGNO 1817.


Za che avè fissà de andar,
     E volè doman lassar
     De Venezia le contrae
     (Che pur tanto ve ze stae
     5De conforto e de alegria
     Ne la vostra ipocondria)1
     Voi lassarve almanco un pegno,
     De vu altri e de nu degno,
     E per darve cosa rara
     10De Venezia, tanto avara
     A produr erbete e fiori,
     Voi donarve pien de odori,
     Perchè in mente ne gabiè,
     Un simbolico bouquet.
15Quel Casteli che mai straco,2
     Altro Pindaro, altro Flaco,
     Pien de lena, senza stento,
     Tanto el core in un mumento
     Che 'l va squasi in brazzo al sol,
     20Sarà un aureo girasol.
     El beligero Mengaldo3
     Fato duro, fato saldo,
     Ai furori de Gradivo
     Ve presenta un semprevivo.
     25El bel dir de l'avocato4
     Puro sempre e delicato,

     In un giglio trovarè
     Messo in mezzo del bouquet
Quel Ancilo farmacista5
     30No sia messo tanto in vista.
     Malinconico mistier
     Sora ogni altro ze el spizier;
     Ma sicome co bravura
     L'erbe el studia e la natura,
     35Per dar farmaco a ogni mal,
     El sia un fior medicinal.
E quel nostro Nicoleto6
     Che ne dà tanto dileto
     Quando el canto a l'improviso
     40L'acompagna fin col viso,
     Pien de inzegno, pien de sal,
     Col palor sentimental,
     Che 'l ve par apena vivo,
     Lo gavè nel sensitivo.
45La fraganza più odorosa
     Spande a l'aria bela rosa;
     Abiè ochio nel tocarla,
     Contenteve de vardarla.
     No s'a visto mai zardin
     50A dar rosa senza spin.
     Compatisci, son sincero,
     Ma sta rosa ti è ti Piero:7

  1. Qui si allude alla perdita fatta dai conjugi Giovio di un figlio unico, onde cercarono una distrazione nel soggiorno di Venezia.
  2. Spiridion Castelli.
  3. Il cav. Angelo Mengaldo fu dei pochissimi italiani, che ritornarono dalla famosa campagna di Mosca.
  4. Jacopo Mantovani, seguace di Astrea e delle muse.
  5. Giuseppe Ancillo, farmacista chimico, e buon poeta vernacolo.
  6. Nicolò Streffi gentile poeta bernesco.
  7. Pietro Buratti, scrittore di poesie classiche nel dialetto veneziano, nella maggior parte però delle quali la licenza va unita alla satira.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/484&oldid=61620"