Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/478

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



17Uno poltron se gode a star sentà;
     Uno zira el paese, e no se stanca;
     Uno va in leto caldo, uno giazzà;
     Un dopara la dreta, uno la zanca;
     Un voria sempre inverno, un altro istà;
     Un ghe piase la mora, uno la bianca,
     E se vede cussì chiaro evidente
     Che tuti pensa qua diversamente.

18E fra tanti cerveli stravaganti
     Un numero ghe n'è, Dio mel perdona,
     Dal criterio comun cussì distanti,
     Che no i ghe ne possede una de bona,
     De queli ghe ne ze cussì ignoranti
     Da insultar la rason quando i ragiona;
     Ma el mio sempre sconvolto, e sempre strano
     L'avea fissà de deventar sultano.

19Gera su sto pensier cussì scaldà,
     Che quanto più la cossa esaminava,
     E tanto più de deventar maestà
     Facilissimamente contemplava,
     Ma adesso che quel velo ze cascà,
     Che i ochi a negra note me stropava,
     Se me presenta un numero de ostacoli,
     Che vincer no se pol senza miracoli.

20Vedo che za bisognarà che resta
     Quel povaro spiantà come che gera,
     Che co mile pensieri per la testa
     Dovarò sfadigar matina e sera
     Tanto el zorno ferial, quanto la festa
     Comandandoghe apena a la massera;
     Vedo le cosse ancuo chiare a tal segno,
     Che posso dir: no gh'è per mi più regno.

21Ma se me scampa el scetro da le man,
     Quando che fermamente suponeva
     De poder deventar presto sultan;
     Se son costreto a far quel che faceva
     Per magnar quatro risi e un fià de pan;
     Se dopo le speranze, che gaveva
     De portar el turbante, sul più belo
     Torno a meterme in testa el mio capelo,


22Al rigor de la sorte impertinente
     Anca sta volta rassegnà me adato,
     E me ze posso dirlo indiferente
     Invece de sultano esser privato.
     Ma quel che me despiase estremamente,
     E che me sforza a maledir el fato,
     Ze 'l no poder tranquilo sta mia vita
     Finirla in t'un deserto da eremita.

23No no posso per quela gran rason,
     Che in te la croda no se fica 'l chiodo,
     Che quel che serve no ze mai paron,
     Che sbarar no se pol col schiopo vodo,
     Che senza l'aria no se infia el balon,
     Che in tel tamiso no sta drento el brodo,
     E che in sto mondo porco e zarlatan
     No pol dir voi chi se guadagna el pan,

24Ma za che adesso afato segregà
     Da l'umano consorzio e dai sussuri
     Le ore che me avanza retirà
     Vivo co un libro in man fra quatro muri,
     De sto mondo galioto stomegà
     Dove star poco e mal se ze sicuri,
     Vogio per distrazion meter in verso
     Le imense idee sul regno che go perso.

25Nè le rechie dei povari pazienti
     Volendo da indiscreto importunar
     Co le cosse comuni o inconcludenti
     Per sentir chi me ascolta a sbadagiar
     Parlarò solo sui provedimenti,
     Che ga del novo afato e singolar,
     Butandoli zo in carta a la refusa
     L'estro per secondar de la mia musa.

26Gran palazzo imperial che ariva ai cieli
     Da dover osservar col canochial
     I sotostanti suditi fedeli;
     Gran pali de giustizia tuti azzal
     Da impirar i preteriti ribeli;
     Gran sentenze de morte a chi ga mal,
     E premi esorbitanti a quel che in tera
     Trova de viver sempre la maniera.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/478&oldid=70059"