Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/370

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL MIRAGIO


VISTO DA UNA PASTORELA IN MENDIP VICIN A BRISTOL.


Pastorela no sorprenderte,1
     Nè te sia d'augurio tristo,
     Se gran parte d'un esercito
     4Su le nuvole ti à visto;
Nè te impona quel disordine
     De cavai, de cavalieri,
     Quele spade alzade in aria,
     8Quele lanze, quei cimieri.
No i ze segno de disgrazie,
     No i predise malatie,
     No i ze spiriti, nè diavoli,
     12Ne l'efeto de magie.
Ste aparenze ze l'imagine
     D'altri ogeti iluminai,
     Come in spechio su le nuvole
     16Pituradi e tramandai.
Te sovien quel fonte limpido,
     Che te serve a consultar
     La metua del to vestiario
     20Co ti vol inamorar?
Co ti meti tanto studio
     Per fornirte d'un bel fior,
     Che te possa donar grazia
     24Per robar più presto un cuor?
I vapori su le nuvole
     Vien a far l'istesso efeto,
     Come l'acqua, che riverbera
     28Quel to viso sul so leto.
La rason de sto riverbero
     In Germania s'à spiegà,2
     Perchè là quel dì medesimo
     32Gran cavali à manovrà.
Cussì, andà l'ultimo esercito3
     In Egito da la Franza,
     L'à tremà vedendo a moverse
     36Altro esercito in distanza;
E nol gera che quel unico
     Su le nuvole depento:
     Conossudo quel fenomeno
     40À finio tuto 'l spavento.

Anca a Regio vicin Napoli4
     Qualche volta nel'istà
     Se vedeva star in aria
     44Colonami, archi e cità.
Tuto in soma ze la copia,
     E l'union de varie viste,
     Concentrade al punto d'otica,
     48Che ghe vol per esser viste.
Ma sto punto ze dificile
     A incontrarse da la zente,
     E per esser straordinario
     52El riesce sorprendente.
Sta pur certa nol ze magico,
     Pastorela, sto portento;
     Che ze andada tuta in cenere
     56La noghera a Benevento.5
La magia, che no ze favola,
     E che sempre sarà sconta,
     Ze i to ochi, che vardandone
     60I ferisce senza ponta.


PER


OCASION DEL MATRIMONIO


BIANCO - BILESIMO


Letera.


Ancuo, che coi vincoli
     De sposa ti à streta,
     Mio caro Girolemo,
     4La to Marieta,
Per darte un indizio
     Del mio giubilar,
     Dei coniugi el codice
     8Te vogio donar;
Che dopo un decenio,
     Che fazzo el legal,
     Se monto anca in catedra
     12Nol credo sto mal.
So, sposi, che inutile
     Xe 'l darve un consegio,

  1. Il fenomeno di ottica, detto Fata Morgana, o meglio miragio, che fu visibile nel 20 settembre 1835 agli abitanti dei colli di Mendip presso Bristol in Inghilterra, venne letto in Feltre sulla gazzetta di Venezia nel tempo in cui era quella città onorata dalla presenza della principessa di Galitzin, nata principessa di Souwaroff. Invitato l'autore a scrivere nel dialetto veneziano dettò questi versi, che furono alla principessa presentati.
  2. Le gazzette di Germania annunziarono che nel 20 settembre 1835, furonvi nelle stesse pianure di Kalisch continue manovre di cavalleria, cioè nel giorno stesso del miragio veduto a Mendip.
  3. Le truppe di Napoleone Bonaparte, quando si avvicinarono all'Egitto, avendo veduto un esercito di fronte lo credettero di nemici, ed era invece l'ottica illusione del miragio, che le raddoppiava.
  4. Appariscenze indicate dal p. Kircher, dal Moreri, e da madama di Genlis.
  5. A tutti è nota la famosa Noce di Benevento, pretesa sede degli stregoni e delle magie.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/370&oldid=59442"