Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/308

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Questa xe la coteria
     De la bona compagnia.
23Una copia a prima vista
     Del so Macari i ghe par,
     Ma più i cerca d'imitar
     Le so grazie, e parer lu,
     Più la i scovre andando avanti
     Dal so Macari distanti.
24Disparada alfin Teleme
     Stufa e stanca de cercarlo,
     Senza mai però trovarlo,
     La se torna a ritirar
     In quel logo, che una volta
     Cussì ben l'aveva acolta.
25Oh! che caso inaspetato
     Xe per ela, oh che dileto!
     Trovar Macari al so leto
     Che la stava là a aspetar;
     Che sorprenderla voleva
     Quando manco la credeva.
26Co un parlar dolce e soave,
     El ghe dise «Mia Teleme,
     Vivaremo sempre insieme
     Da qua avanti se ti vol,
     Ma ti el grilo non aver
     De bramar più del dover.
27Sarò too se a ti te piase,
     Tuto a ti vogio donarme,
     Ma no star a domandarme
     Più de quel che te voi dar.»
     E in sto dir streti i se abrazza
     El regazzo e la regazza.
28Cossa sia Teleme e Macari
     Savarà senza fadiga
     Chi sa tolto un po la briga
     Lingua greca de studiar,
     E in sto emblema vedarà
     Quel che a l'omo è destinà.
29Ti ti xe, Macari caro,
     Quel che sempre nu bramemo,
     O che miseri perdemo
     Per volerte tropo ben.
     Mi za spero de goderte,
     E me par de possederte,
30Ma de dirlo assae me vardo,
     Che se averlo alcun se vanta
     Dal so sen l'invidia el schianta,
     Lo fa gramo deventar;

     Che per goder tanto ben
     Saver sconderse convien.



LA VERITÀ.


Vien dito che 'l dio Celo,
     O un altro che ghe gera,
     Che à fabricà la tera,
     I pianeti, e le stele,
     5E tute st'altre cosse o brute o bele,
     (Fra le quali gh'è l'omo,
     Che per parlar sincero xe un gran tomo)
     L'avesse anca creà
     Certe divinità,
     10E fra le altre una tal,
     Che 'l gavea messo nome Verità.
     Questa doveva el mondo iluminar,
     L'ordine conservar,
     Assister i mortali,
     15E far ch'ogni creatura
     Facesse in sto teatro,
     Per quanto che se pol, bona figura.
     Le xe vegnue qua in tera,
     E eseguindo de Celo l'intenzion,
     20Per quanto le à podesto
     Le ga fato fazion.
     Mi no ve parlarò
     De quel che le abia fato,
     Tante cosse no so,
     25Ma de la Verità,
     Za ch'i me l'à contà,
     Ve dirò su un caseto,
     Che quantunque strambeto,
     Se de ascoltarlo, amici, ve degnè,
     30Son certo che 'l so dreto ghe catè.
     Sta Verità è una dea
     Soto umana figura,
     Ma d'un altra natura;
     D'una bela statura,
     35Maestosa, ben piantada,
     Magra, ma no scarnada;
     Se pol in t'una ochiada
     I so vasi, e i so muscoli osservar,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/308&oldid=68856"