Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/279

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ma Kien-Long, che za no gera più Kien-Long,
     Che de l'indole fiera del lion
     No s'aveva tegnù che la grandezza,
     770La magnanimità,
     Ghe stava là d'intorno facendà
     A desvolzerghe zo de propria man
     Quele trentasie quarte de caena,
     Che ghe infassava i brazzi co la schena,
     775E agiutandolo in pressa a levar su:
     «Torna nei to diriti, in libertà
     Tulan-Kin, (el ghe dise) e sia per ora
     Compenso a le to angustie, a tanti afani
     Sentirte a dir da la mia boca istessa,
     780Che 'l solo reo son mi, ti l'inocente;
     Nè te ofendo de più col mio perdono!»
     E con trasporto tenero e decente
     Basà in fronte Ton-Kai torna sul trono.
Saria intrigà dasseno se volesse
     785Descriverve l'aplauso e l'esultanza
     De quel mezzo milion de spetatori;
     E pur gera presente! Oe cossa serve!
     Go visto mi proprio sui ochi a tuti
     A bagolar per alegrezza i cuori,
     790Un batiman, un potpurì d'eviva,
     De cighi in tuti i toni,
     Un fracasso de piferi e tamburi,
     De trombe e rochetoni,
     De gnacare, de pive e scarcavali,
     795De man pestae su i muri,
     De pie che se desmentega i so cali;
     Insoma basta dir che i mandarini,
     I mandarini stessi,
     Rote le strope de la gravità,
     800Ga slanzà tanto in alto i so ombrelini,
     Che 'l zenit per prudenza s'à cavà.

«Ohimè, padre, son proprio imbalsemà!
     Eh! no me scondo no, no me vergogno;
     Go pianto sempre, sala, a le tragedie
     805De lieto fin, e quele
     No gera che romanzi da teatro.
     La se imagina po se voi tegnirme
     Giusto mo a sto spetacolo!»

«Le pare?
     810Anzi questo, eccellenza, fa l'elogio
     Del carattere angelico...»

«Obligato!

     Ma no ghe n'ò nè merito nè colpa.
     Ghe digo ben per altro,
     815Che 'l ga mo torto el codice chinese,
     Che no vol forestieri in sto paese.
     Fina che gh'è un ministro che sa dirla,
     Che gh'è un sovran che se la lassa dir,
     E se aprofita de la verità,
     820Toria l'impresa mi de sto casoto.
     Conosso là in Europa
     Un schiapo de curiosi,
     Che coraria le poste a precipizio
     Per veder sto prodigio; altro che l'ombre!
     825Saltadori e pagiazzi
     Qua co sta rarità faria bezzazzi!
Oh! padre, la solevo e la ringrazio...»

«Oh! perdoni, eccellenza! io stesso devo
     Pormi a' suoi piedi...»

830«E se mai posso, sala...»

«Corbezzoli, eccellenza, s'ella può!
     Non avria da dovero che a volerlo...
     Ma questo non è il tempo, non è il luogo...»

«No, no; la diga pur, magari!...»

835«Incolpi
     Dunque la sua bontà se mi fo ardito...»

«Eh! franco, padre.»

«In fatti il suo favore,
     La sua piena influenza
     840Presso l'imperatore del Giappone...
     E questa poi sarebbe
     Opera illustre e degna
     De' suoi talenti e della sua pietà...»

«Ah! ah! poi, padre,
     845Go capio tuto e ghe rispondo in bota.
     Anzi le cortesie
     Che la m'à praticà qua sta matina,
     Senz'ombra come sento d'interesse,
     Ghe dà un vero dirito
     850Su la mia ingenuità. Ghe dirò donca
     Che scienze, arti, ignoranza
E vizi e pregiudizi e ipocrisia

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/279&oldid=67233"