Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/260

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


9Che signor quinci e quindi è Sardapol;
     L'alito stesso, che respiri, è mio...
     Capisci?» — Bortolon, che co ghe dol
     Ga imparà da putelo a dir oh dio!
     Che à studià, che sa scriver, che se 'l vol
     Parla anca lu toscan co qualche brio,
     Se frega i ochi, se va destirando,
     E risponde po al conte sbadagiando:
10«Sala, celenza, che la m'à alafè
     Spiegà mo 'l sogno? me pareva, giusto
     Co l'à chiamà, che no so mo perchè,
     Sto platano disesse in ton d'Augusto
     Là a quel ruscelo: Tu senza di me
     Saresti un vile arido fosso angusto;
     L'ombra (tal qual) delle mie frondi sole
     Ti serba illeso dall'ardor del sole.
11Se quinci e quindi a' pellegrini erranti,
     (La senta mo che bela cargadura!)
     Se a' guerrier sitibondi ed anelanti
     Tu largo appresti l'onda fresca e pura,
     Se dolce sonno a' pastorelli amanti
     Il tuo soave mormorio procura,
     Egli è sol mia mercè. Quanto tu sei,
     Capisci? è dono degli auspici miei.
12El ruscelo, celenza, no se perde
     Minga per questo. Credela? el risponde:
     «Sarà! ma la me onori, Altezza verde,
     L'umor che note e dì per le profonde
     So raise se filtra, se disperde,
     E i rami ghe moltiplica e le fronde,
     Chi ghe 'l va preparando in cortesia?
     El ruscelo: sior platano?... e po via.»


EPILOGO.


Ai birbi e ai stolidi
     Mi fin adesso,
     Come vedè,
     Fat'ò 'l processo.
     Cinquanta favole
     6Bastele? ohimè!
Ma za le chiacole
     Me mor in boca,
     No posso più!

     Soto a chi toca:
     Fora quel pifaro,
     12Poeti, a vu.
Vizi e spropositi?
     L'isola è piena;
     Proprio la par
     Quela balena
     Che ingiote e gomita
     18I pesci in mar.
Ma quel proverbio,
     Che un dì brilava,
     Xe ancora in ton:
     «Perde chi lava
     La testa a l'aseno
     24L'acqua e 'l saon!»
Vegna pur l'etica
     E la poesìa:
     Per diana, sì!
     A butar via
     Rime e rimproveri,
     30E a secar i ...!
Superbia indomita,
     Caprizi mati,
     Smania venal,
     Gà cambià in fati
     L'orbe teraqueo
     36In ospeal.
L'è fato a circolo?
     Lasselo tondo.
     Chi tor mai pol
     I vizi al mondo,
     L'acqua l'oceano,
     42El fogo al sol?
Vedeu del Berico
     Là le coline?
     Viva 'l bon vin!
     Quel'ue divine
     Converte i spasemi
     48Tuti in morbin!
Voi che a l'unissono
     Cantemo in bota,
     Co sarò là,
     Una vilota
     Mi e la mia tragica
     54Necessità.
Perchè no libero
     Viver in Franza?
     Là tut è bien: