Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/90

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     A spale dei minchioni
     Che ghe abada.
Dopo sto sior Aurelio de aver tanto
     20Per el mondo zirà co qualche impianto,
     El s'à pensà costù
     De andar nel gran Perù,
     Che alora gera un stato
     Indipendente afato,
     25Credendo che ghe sia facilità
     De scaldarghe la zuca a so maestà,
     Nela suposizion
     Che quel regnante
     Gavesse del melon,
     30Fusse ignorante,
     Perchè quel trono nel'età rimote
     Pareva destinà per le marmote,
     Quando, per raro caso,
     El gera un omo che gaveva naso.
35Fermo nel so progeto,
     Per poderse l'efeto
     Assicurar,
     El se fa proclamar
     Per el paese
     40Monsiù de Setespan,
     Un chimico franzese,
     Portà in palma de mati
     Dai doti principali,
     E da famegie agiate