Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/325

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E dopo de l'Aurora
410Da l'onde vegnir fora
El zorno drio,
A norma del statuto,
Che a mente i lo sà tuto,
Prima che fassa scuro
415I manda per stafeta
L'ordine che 'l tamburo
E la trombeta
A l'uso militar
I se meta a sonar
420La ritirata,
Aciochè sia sospesa su l'istante
Quela lota spietata
E stravagante,
Dove chi resta in condizion più trista,
425Più vien considerà, più gloria aquista.

Co un sussuro de casa de culù
Tutù, tutù, tutù, turututù,
Tan, tan, tarapatan, tarapatan,
Come no i avesse mai menà le man,
430Come precisamente
I gavesse scherzà,
Anzi come se gnente
Fusse stà,
L'odio, l'ira, la rabia, la vendeta,
435L'astio, l'antipatia,
A quel segnal se quieta,