Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/308

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


I clamorosi eviva
Che fa la comitiva,
El chiazzo, i batimani
Dei diversi comploti,
Chi ai bravi Castelani.
580Chi ai prodi Nicoloti.

Buta chi va in giacheta
Per aria la bareta
Coi picoli acessori.
Ognun za me capisce,
585Che là tanti de lori
Custodisce,
Non avendo rimorso de conscienza
De regalar l'udienza;
Slanza in alto i capei
590Anca le teste che no ga cavei,
Al publico mostrando in sta maniera
La so zuca pelada volentiera,
Segno più che evidente
Del giubilo che i sente;
595Sbampola a contenere fazzoleti
De richi e povareti,
E bianchi e quondam bianchi e de color,
Senz'abadarghe qualchedun bislaco,
Orbà dal bon umor,
600Se 'l lo ga sporco slodro da tabaco,
O indecente ridoto
Da più d'un sgnacaroto;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/308&oldid=64319"