Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/290

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Gendena, Gomitorio, Centoboche
Scrupolo, Pidepiombo, Panimbrodo,
75Sessola, Setechiape, Orco, Smegiazza,
E dei altri canonici de piazza,
Dei quali no me par
De dover seguitar
La descrizion,
80Tanto per la rason,
Che ritegno sia afato indiferente
Saver el nome d'ogni combatente,
Quanto per la paura,
Se me devo basar su l'esperienza,
85Che a sto passo arivà co la scritura
El benigno letor se me indormenza,
No per virtù del canto,
Che non ardisso de pretender tanto,
Quantunque da sto lato,
90No la ze presunzion,
Go la sodisfazion,
Che i mii versi prodigi à sempre fato,
Ma perchè a tanti co facilità
Se ghe concilià el sono a star atenti,
95E ze ben natural se sin se dà
De quei temperamenti,
Secondo el parer mio
Proprio beati,
Che ga sempre dormio
100Dachè i ze nati.